Privacy Policy

EVENTI

Automassaggi

Il Taiji Quan e Il Qi Gong per la cura della salute:

 al termine delle lezioni di Taiji Quan e Qi Gong, il qi si è raccolto sulle nostre mani: pratichiamo alcuni automassaggi per tonificare le varie parti del nostro corpo:

 iniziamo dal viso, che è importante sia per tonificare le funzioni visive, olfattive, tranquillizzare la mente e tonificare il cervello, sia di riferimento, per andare a tonificare i vari organi interni che sono collegati  agli apparati sensoriali del viso, es.: orecchie-reni; naso-polmoni; labbra-milza, lingua-cuore; occhi- in tutti e 5 gli organi pieni (reni, polmoni, milza, cuore, fegato).

 1) Yin tang (stanza dei sigilli): effetti su problemi quali mal di testa, vertigini, insonnia, sangue dal naso (affezioni nasali). Calma lo shen.

  1. 2) angolo superiore interno degli occhi Jingming (BL1) punto di riunione dei meridiani della vescica, dell’intestino tenue, dello stomaco, Yang Qiao Mai (vaso yang del calcagno), Ying Qiao Mai (vaso yin del calcagno); illumina gli occhi; tonifica gli occhi.
  2. 3) angolo inferiore interno degli occhi. Gli angoli interni ed esterni dell'occhio sono i luoghi di concentrazione dell'energia prima che questa raggiunga il cervello
  3. 4) Con i pollici sulle tempie (punto Tai Yang), massaggiare gli occhi (sopracciglia - globo oculare) con gli indici piegati. Il punto taiyan fa parte di quelli “fuori meridiano”, cioè che non giacciono sui meridiani principali. Indicazioni: cefalea, emicrania, malattie oculari, vertigini, congiuntivivite, ecc.

All’attaccatura delle sopracciglia verso l’interno e subito sotto, alla radice del naso si trova il meridiano della vescica; sul lato esterno dove finisce l’occhio, si trova il meridiano della cistifellea (vescica biliare);  Si tocca il meridiano dello stomaco

5) testa: con i palmi, massaggiare la testa in modo circolare, partendo da sopra le tempie e arrivando alla nuca. Si massaggiano moltissimi punti: meridiano della cistifellea [vescica biliare]; dietro le orecchie, verso la nuca, ci sono i punti Yiming (FM4) - illumina gli occhi e calma lo shen.

Questo massaggio serve anche a tonificare la vista, serve contro i raffreddamenti, per i dolori alle orecchie e ai denti, contro le emicranie e cefalee (confusione mentale, pesantezza alla testa)

Il punto GB4, sulle tempie, serve per emicrania, perdita dell’acutezza visiva, starnuti frequenti, contrazioni muscolari.

6) Lobi delle orecchie: sono in riferimento agli occhi.

 7) Il viso: ci sono molti meridiani e molti punti;  Si tocca il meridiano dello stomaco (da sotto gli occhi all’angolo delle labbra, ST1-4, disturbi visivi; zona laterale, verso le orecchie: ST6-7, mal di denti, rigidità del collo, dolori alle orecchie; quello dell’intestino tenue (dallo zigomo all’orecchio, disturbi uditivi), vescica – dagli angoli interni degli occhi e delle sopracciglia: (BL1) occhi, visione.

Si tonifica il viso; il massaggio deve essere eseguito dal basso verso l'alto e dall'interno verso l'esterno.

8) La gola: aiuta la discesa dell'energia nei meridiani, che in questa zona scendono verso il basso: si aiuta quindi la discesa naturale dell'energia.

Punti 7 e 8: entrambi i massaggi sono tonificanti e antirughe. Inoltre l'energia che si è raccolta nelle mani durante la pratica serve a tonificare ulteriormente le zone.

9)  Automassaggi alla schiena: col dorso delle mani, dall’alto verso il basso; si massaggiano i punti  sul meridiano della vescica urinaria, che percorre la schiena dall'alto verso il basso in 2 rami paralleli.

10) Automassaggio alla bocca: battere i denti 9 volte davanti, 9 a sinistra e 9 a destra; passare la lingua tra le labbra e i denti, in alto, partendo da sinistra verso destra, da sopra e poi scendere sotto, per 3 volte; poi dal lato opposto, cioè partendo da sinistra in alto (tra la gengiva e il labbro superiore) e andando prima a destra e poi in basso (tra la gengiva e il labbro inferiore) sempre per 3 volte; poi all'interno dei denti, stesso giro, partendo da sinistra in alto, per 3 volte, e poi il giro contrario di nuovo per 3 volte; poi con la punta della lingua battere sul palato per 3 volte, poi dietro gli incisivi, per 3 volte, quindi in basso, alla base della gengiva, per 3 volte; la saliva che si è raccolta va deglutita in 3 volte pensando che arrivi al dantian (centro dell'addome).

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.

  
EU Cookie Directive Module Information